Lectio Minghetti
Il nome di Marco Minghetti (1818-1886) è indissolubilmente legato al raggiungimento del pareggio del bilancio da parte del suo ministero, nel 1876. Con una serie di “Lectiones” intitolate a Marco Minghetti, l’Istituto Bruno Leoni vuole costruire un momento di riflessione autorevole sui temi della finanza pubblica, che inevitabilmente negli anni a venire avranno una parte sempre maggiore nel dibattito. Attraverso la presenza di prestigiosi ospiti e di discussant qualificati, la “Lectio Marco Minghetti” ambisce a diventare in breve tempo un punto di riferimento nella discussione pubblica italiana.

The name of Marco Minghetti (1818-1886) is inextricably associated to the balanced budget achieved under his stewardship of the Ministry of Finances in 1876. With a series of “Lectiones” named after Minghetti Istituto Bruno Leoni aims to establish an authoritative and regular forum on the issues of public finances, which are bound to have an ever greater salience in the public debate. Thanks to the presence of renowned speakers and distinguished discussant, the “Lection Marco Minghetti” aspires to shortly become a reference point in the Italian public debate.

Lectio Minghetti 2013
17 June 2013 — Confindustria Firenze
150 Years of Public Finance in Italy
Centocinquant'anni di finanza pubblica in Italia
Speaker:
Vito Tanzi
Discussants:
Piero Giarda
Luigi Guiso
Maggiori informazioni

Lectio Minghetti 2011
25 October 2011 — Fondazione CRT, Turin
150 Years of Public Finance in Italy
Centocinquant'anni di finanza pubblica in Italia
Speaker:
Vito Tanzi
Discussants:
Gianni Toniolo
Andrea Monorchio
Maggiori informazioni

Lectio Minghetti 2010
26 October 2010 — Palazzo de’Carolis, Rome
Sovereign Bankruptcy in the EU in the Comparative Perspective
Il fallimento degli Stati nell’Unione Europea: una prospettiva comparata
Speaker:
Leszek Balcerowicz
Discussants:
Carlo Cottarelli
Ignazio Visco
Maggiori informazioni

***

Marco Minghetti

Nato a Bologna nel 1818, Minghetti sin da giovanissimo mostrò grande passione politica e sentimenti liberali. Grande sostenitore della libertà religiosa, nel 1846 fu fra i firmatari del memoriale inviato ai cardinali, adunati in conclave, alla scopo di conseguire riforme politiche e amministrative. Eletto Papa Pio IX, credette inizialmente possibile un’alleanza tra il Papa e i liberali. Amico di Cavour, dal quale ebbe l’incarico di compilare un memoriale sulle condizioni delle province italiane, soggette allo Stato Pontificio, nel 1859, in seguito alle insurrezioni popolari, divenne presidente dell’Assemblea delle Romagne. 
Successivamente eletto deputato nel Parlamento subalpino, fu ministro degli Interni con Cavour nel 1860, nel primo governo dell’Italia unita.
Più volte ministro (Interni, Finanze, Agricoltura, industria e commercio) divenne Primo ministro nel 1863 e poi nel 1873. 
Legò il suo nome alla rigorosa politica di bilancio che portò – per la prima ed unica volta nella storia d’ Italia – al pareggio di bilancio nel 1876.
Di Minghetti va inoltre ricordato il suo progetto di riforma in senso autonomistico dello Stato. Un tassello di un disegno riformatore che prevedeva la diminuzione delle attribuzioni dell’amministrazione, lasciando ampio margine alla libertà individuale ed alla iniziativa privata, il decentramento dell’amministrazione e, infine, la possibilità di ricorsi contro l’amministrazione stessa, da giudicarsi e risolversi in una sede giurisdizionale indipendente.
Morì a Roma nel 1886.

Born in Bologna in 1818, since his youth Minghetti manifested a great interest in politics informed by his liberal beliefs. Resolute supporter of religious freedom, in 1846 he was a signer of the memorandum sent to the Catholic Cardinals assembled in conclave to urge the implementation of political and administrative reforms [in the Papal States]. After the election of Pope Pius IX, Minghetti hoped for an alliance between the Holy See and Italian liberals. Minghetti was a friend of Italian statesman and Piedmontese Prime Minister Cavour, who charged him with drafting a report on the conditions of the Italian provinces subject to the Papal States. In 1859, after a series of popular uprisings, Minghetti was appointed President of the Assembly of Romagna.
He was later elected to the Parliament and became Minister of Interiors in 1860, in the first government of an united Italian State under Prime Minister Cavour.
He repeatedly served as Minister of Interiors, Finance, Agriculture, Industry and Trade and was appointed Prime Minister in 1863 and 1873.
His name is associated to the strict budget policies which led—for the first and only time—to a balanced budget in 1876.
Minghetti is also to be remembered for his reform plan for a greater local self-government of the Italian state. This reform aimed to decrease the scope of government, leaving a wide leeway to individual freedom and private initiative, an administrative decentralization and even the possibility for the citizenry to act against the government in an independent venue. 
Marco Minghetti passed away in Rome in 1886.

Privacy Policy
x