Indice delle liberalizzazioni

Cosa significa liberalizzare?
Tutti concordano sul fatto che “liberalizzare” sia necessario a rilanciare la crescita. È però necessario definire con chiarezza cosa si intenda per “liberalizzazione”. Per l’Istituto Bruno Leoni, un mercato è libero quando vi è piena libertà di entrata: dunque, liberalizzare significa rimuovere le barriere all’ingresso.


Cos'è l'Indice delle liberalizzazioni?
L’Indice delle liberalizzazioni – il rapporto annuale che l’IBL pubblica dal 2007 – si propone appunto di identificare, attraverso il confronto tra l’Italia e i paesi europei più economicamente liberi, quali siano e quanto incidano, nei diversi settori dell’economia, le barriere all’ingresso. Ciascuna di queste barriere priva potenziali concorrenti dell’opportunità di offrire i loro prodotti, e impedisce ai consumatori di accedere a un’offerta più plurale e prezzi più convenienti.

In questo rapporto, attraverso una “griglia” di indicatori e sottoindicatori, IBL confronta sedici settori dell’economia italiana con gli stessi settori nei paesi più liberalizzati d’Europa. I settori sono: mercato elettrico, mercato del gas naturale, servizi idrici, telecomunicazioni, trasporto ferroviario, trasporto aereo, trasporto pubblico locale, infrastrutture autostradali, servizi postali, televisione, servizi finanziari, ordini professionali, mercato del lavoro, fisco, pubblica amministrazione e mercato dell’arte. Attraverso la valutazione settoriale, IBL elabora infine un indice complessivo di liberalizzazione dell’economia italiana, che intende esprimere una valutazione sintetica sulle opportunità perse a causa dell’eccesso di regolamentazione, tassazione e dell’incertezza del diritto.


La metodologia
Il metodo seguito per l’elaborazione dell’Indice è quello del benchmarking, ossia del confronto con le eccellenze internazionali attraverso indicatori qualitativi e quantitativi: il risulto, espresso in “percentuale di liberalizzazione” rispetto ai modelli più virtuosi, aiuta a capire intuitivamente qual è lo stato di avanzamento del processo di liberalizzazioni nel singolo settore rispetto al paese benchmark.


Desiderio di crescita
Nella pubblicazione dell’Indice delle liberalizzazioni, lo scopo dell’IBL prescinde dal giudizio di merito sulle liberalizzazioni, per offrire uno strumento di misura di quanto si è fatto. Resta tuttavia evidente che, per l’Istituto il grado di libertà economica di cui gode un paese rappresenta il suo desiderio di crescita e quindi liberalizzare è utile, giusto e importante. Utile, perché offre un’opportunità in più a chi si affaccia al mercato e ai consumatori, giusto, perché è coerente con la protezione della libertà individuale e importante perché implica la ripresa economica per il Paese.


Consultare l'Indice 
Le edizioni 2007-2010 dell’Indice delle liberalizzazioni sono liberamente disponibili in PDF (insieme a materiale aggiuntivo) qui di seguito. Le edizioni dal 2011 in poi sono disponibili come ebook sui principali store online:

Indice delle liberalizzazioni 2007
Indice delle liberalizzazioni 2008
Indice delle liberalizzazioni 2009
Indice delle liberalizzazioni 2010
Indice delle liberalizzazioni 2011
Indice delle liberalizzazioni 2012
Indice delle liberalizzazioni 2013
Indice delle liberalizzazioni 2014
Privacy Policy
x